Qui trovate delle informazioni interessanti su i vari animali.
 
 
                                                     BUONA VISIONE!!!!
 
 
 
 
 
                       
                                                             Ecco a voi il Genere leucosticte....
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
                       
 
 
           
                                                                 Sesso Ondulati di Colore.....
 
 
 
 
 
                            
   
                                                       Distinzione sesso Calopsite Ancestrale Maschio...........
 
 
 
 
 
 
         
 
                                                             Distinzione sesso Calopsite
 
 
 
 
 
 
 
                                 
 
 
                                             Distinzione sesso Calopsite Ancestrale Femmina...........
 
 
 
 
 
                      
                                                        Distinzione sesso Calopsite......
 
 
 
 
 
 
 
                      
 
                                                        Distinzione sesso Calopsite....
 
 
 
 
 
 
 
 
                        
 
                                                Distinzione sesso Calopsite....
 
 
 
 
 
                                             
                                                                          Agapornis Taranta....
 
E' difficile da trovare in cattività. Presenta dimorfismo sessuale, il maschio ha la fronte rossa al contrario della femmina che c'è la verde. Necessitano di C.I.T.E.S.
 
 
 
 
 
 
 
                                         
                                                               Agapornis Nigrigeris....
 
 
Fanno parte del gruppo degli occhi cerchiati. Assomigliano molto il Personata, ma ci sono alcune differenze. Hanno solo la faccia color nerastro con una macchia sul petto gialla. Necessitano di C.I.T.E.S e non hanno dimorfismo sessuale.
 
 
 
 
 
                                
                                                           Agapornis Personata.....
 
Fa parte del gruppo degli occhi cerchiati, infatti come si vede presenta intorno all'occhio un cerchio bianco. Ha la testa totalmente nera con un collare giallo o bianco a seconda della mutazione, che si estende fin sul petto. Necessitano del C.I.T.E.S è non hanno dimorfismo sessuale.
 
 
 
 
                                                    
                                                                             Agapornis Roseicollis..........
 
Fa parte della famiglia dagli occhi non cerchiati. Presenta becco chiaro, e la maschera rossa che si estende fino alla gola. Non necessitano del C.I.T.E.S e non hanno dimorfismo sessuale.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                    
 
 
 
 
 
                       
                                                          L'Artiglio del Gatto....
 
 
 
 
 
                      
                                           Cosa fai perché si muova, corra, salti, ecc.?

Se il gioco di prendere e riportare la palla diventa il gioco di prendere la palla e correre via, possiamo seguire questi consigli per insegnare al nostro cane a giocare correttamente e riuscire a fargli fare esercizio:
Affinché il nostro cane presti attenzione alla palla possiamo muoverla sul suolo davanti a lui o farla rimbalzare. Quando si dimostra interessato, possiamo lanciarla, le prime volte a poca distanza.
Nel momento in cui prende la palla, si consiglia di allontanarsi incitandolo affinché si avvicini. È molto importante evitare di inseguire il cane dato che capirebbe che il gioco consiste nel prendere la palla e allontanarsi. In tal caso, saremmo noi a dover correre per recuperare la palla.
Affinché impari a lasciare la palla, possiamo prendere la palla e dargli in cambio un pezzetto di cibo accompagnato da un ordine verbale, come ad esempio “lascia!”. Ripetendo questo esercizio poche volte, il nostro cane aprirà la bocca e lascerà la palla sentendo l’ordine.

Le passeggiate sono il momento in cui possono interagire con altri cani, giocare ed esplorare. Con questo gioco o con qualsiasi altra attività farà tutto l’esercizio di cui ha bisogno.
 
 
 
 
                                                       
 
 
 
 
 
 
                       
 
 
 
 
 
 
 
                         
                                      Educare il tuo cane è molto utile per la vostra convivenza......

Educare il nostro cane è una tappa fondamentale per la convivenza. Ecco alcune idee che ti possono aiutare:
In casa:
Per evitare che il nostro cane salga sul divano dobbiamo creargli la necessità di restare sul pavimento. Giocare con lui sul pavimento perché lo associ a un luogo divertente e dargli un premio quando si comporta bene, ci aiuteranno a centrare l'obiettivo. Inoltre, perché l'apprendimento sia più efficace e rapido, possiamo combinarlo con un “NO” e un “TER”, che è la parola utilizzata per indicargli che si sdrai al suo posto a dormire.

In strada:
Se vogliamo che ci ascolti quando lo chiamiamo, dobbiamo allontanarci di un paio di metri, chinarci per trasmettergli una sensazione di sicurezza, aprire le braccia e, con un tono allegro, chiamarlo con un “VIENI”. Mostrargli uno dei suoi giochi preferiti mentre lo chiamiamo semplificherà le cose.

Per divertimento:
Se invece vogliamo che il nostro cane ci dia la zampa quando è seduto, dobbiamo afferrare una delle zampe anteriori mentre gli diamo un premio con l'altra mano. In questo modo assocerà il dare la zampa a qualcosa di positivo. Un'altra cosa che possiamo fare è dirgli “ZAMPA” mentre gli prendiamo la zampa per stabilire la relazione. Vedrete con che rapidità l'assocerà!
È importante che l'educazione del nostro cane sia un'esperienza divertente sia per lui che per noi. In questo modo getteremo le basi di una buona convivenza e al contempo consolideremo ulteriormente il nostro legame affettivo.

 

 

 

                       

 

 

 

 

 

                  

 

 

 

                           

                                    Hai notato dei pallini bianchi nel pelo del tuo gatto?

È possibile che il tuo gatto sembri diverso dal solito e sul suo pelo compaiano pallini bianchi che prima non c'erano. La cosa più probabile è che si tratti di forfora. Questa comparsa inattesa sul pelo del nostro amico felino può essere dovuto a varie cause:
- Può essere che abbia la pelle troppo secca a causa di una ridotta assunzione di acqua o che sia esposto a fattori ambientali che seccano la sua pelle e il suo pelo, come l'aria condizionata o uno scarso livello di umidità ambientale. 
- Se per qualche motivo la pelle del nostro gatto non è al meglio, a causa di un'allergia o qualche altra ragione organica, può produrre forfora.
- Infine, anche la mancanza di pulizia può provocare la forfora.
Se poi, oltre ali pallini bianchi, notiamo che il pelo ha perso lucentezza e che il nostro gatto perde più pelo del solito, questo potrebbe essere causato da un consumo di alimenti che non forniscono i nutrienti necessari alla sua pelle e al suo pelo.

 

 

 

 

 

 

                                           

    

 

 

                              

                            I gatti sono molto sensibili ai cambiamenti e un trasloco può causare un forte stress....

Un trasloco è un passo importante per tutti, in particolare per i gatti. Se siamo in pieno cambio casa o stiamo pensando di adottare o accogliere un gatto in casa, dovremo tenere presente che sono molto sensibili alle variazioni di routine e ambiente. Perciò, per fare in modo che si adattino facilmente alla nuova casa, possiamo aiutarli con i seguenti consigli:
1. Lasciare segni tranquillizzanti nel nuovo ambiente. Per i gatti, riconoscere i propri marchi olfattivi nell'ambiente ha un effetto tranquillizzante, quindi possiamo strofinarli con un panno pulito sulla schiena, su tutto il muso (tra la bocca e la base delle orecchie) e poi utilizzare questo panno per trasferire l'odore alle pareti e ai mobili del suo nuovo spazio all'altezza del suo naso.
2. Adattarsi poco a poco. Quando arriviamo nella nuova casa, l'ideale è lasciare che si abituino prima a una zona limitata della casa, ad esempio una stanza dove metteremo tutte le loro cose (ciotola, abbeveratoio, lettiera, tiragraffi, giocattoli e altri oggetti familiari). In questa prima stanza è importante che possano disporre di luoghi dove nascondersi, ad esempio una scatola di cartone.
3. Libertà di esplorare. Lasciare che esplorino il resto della casa solo quando sono totalmente rilassati nella loro nuova stanza.
4. Evitare cambiamenti eccessivi. Mantenere una routine più simile possibile a quella che aveva prima del trasloco li aiuterà, ed eviteremo stimoli che li possono spaventare.

 

 

                        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy